Sei ragioni per collaborare con un fornitore di manutenzione di terze parti

SCARICA IL BIANCO CARTA

La disgregazione nel business si verifica quando una soluzione esegue un compito meglio delle opzioni attuali – e ad un costo inferiore. Una maggiore produttività e la riduzione delle spese contribuiscono ad avviare una reazione a catena di innovazione e sviluppo, poiché il tempo e le risorse possono essere diretti verso la crescita.

I fornitori di manutenzione di terze parti (TPM) hanno sconvolto il tradizionale mercato della manutenzione IT dando alle aziende l’opportunità di evitare l'”obsolescenza programmata” delle apparecchiature IT e di estendere la vita utile delle loro risorse di rete, server e storage fino a cinque o anche dieci anni.

La conversione dal produttore tradizionale al supporto TPM sta avvenendo a un ritmo senza precedenti. Perché? Perché i fornitori di TPM dimostrano continuamente il valore che possono portare a un’organizzazione offrendo soluzioni di supporto IT flessibili e complete fino all’80% in meno di quello che il produttore di apparecchiature originali è disposto a offrire.

Oltre al risparmio finanziario, il disturbo deriva dalla maggiore utilità, dal ROI e dalla sostenibilità che i fornitori di TPM, che non dipendono dal prodotto, offrono.

Laddove gli OEM (produttori di apparecchiature originali) sono incentivati a spingere gli aggiornamenti alle date EOSL (End of service life), i modelli di business della manutenzione di terzi si concentrano interamente sul cliente, piuttosto che su un prodotto. Questo significa che sono in grado di supportare un portafoglio mondiale con un unico punto di contatto, offrendo la stessa qualità di servizio e competenza tecnica, indipendentemente dal luogo.

I fornitori di TPM contribuiscono anche al crescente bisogno di sostenibilità attraverso la manutenzione e il supporto delle apparecchiature di livello 3, la sostituzione o la riparazione dell’hardware aziendale e del data center, l’assistenza tecnica in loco, il monitoraggio remoto, il supporto operativo e le competenze di consulenza. Gli audit dell’infrastruttura possono anche dimostrare quali risorse IT possono essere rinnovate dopo la scadenza delle garanzie e identificare le opportunità di riparazione, riutilizzo e riciclaggio.

Estendendo la vita delle apparecchiature IT, si evitano inutili rifiuti elettronici. Le materie prime vengono risparmiate da nuovi cicli di produzione. Man mano che le aziende fissano obiettivi interni di sostenibilità e che la prossima legislatura, come il “Diritto alla riparazione”, viene approvata, l’interesse e l’attrattiva della TPM continueranno a crescere.

Le aziende di tutto il mondo stanno ora rivalutando le loro priorità passando intelligentemente alla manutenzione conto terzi. Leggi di più sulle sei valide ragioni per cui è necessario effettuare il passaggio.

SCARICA IL BIANCO CARTA

 

 

CONDIVIDERE:

Richiesta di preventivo